• Santisima muerte, santa muerte, nina bianca, magia, spiritualità, folk saints, messico, nexus arcanum
    Antropologia & Storia delle religioni,  Spiritualità

    Introduzione alla figura della Santa Muerte

    La Santa Muerte, nominata in molti film e telefilm come “la santa dei narcotrafficanti”, “la signora dei killer”, dipinta come la più malvagia delle divinità, a cui si rivolgono soltanto i criminali per ottenere favori e poter compiere impuniti i propri delitti, è in realtà una figura molto distante e diversa da questi luoghi comuni.

    In Messico viene invocata per vegliare su qualunque aspetto della vita: punire le ingiustizie, vendicare i torti, proteggere i malati, gli infanti e i deboli, suscitare l’amore, dare dignità a chi ha un orientamento religioso, sessuale o politico differente da quello della massa. Viene pregata anche dai criminali, ovviamente, perché possa proteggerli dalla morte o rendere la lama della loro “falce” più affilata e favorirli nel compimento di omicidi.

  • crocevia, trickster, papa legba, dimensioni, mondi, magia, esoterismo, occultismo, tradizione magica, crocicchio
    Stregoneria

    Il crocicchio: le vie tra i mondi

    Il crocevia, l’incontro di tre o più strade, nell’immaginario della magia, sia popolare e che cerimoniale, antica e moderna, è considerato un luogo preferenziale per il contatto con le entità, un punto di intersezione di mondi ed energie, dove questi si compenetrano in modo unico e spesso travolgente.

    Quando è l’intersezione di quattro strade, esse rappresentano idealmente l’incontro dei quattro quarti del cosmo: il centro del crocevia diventa dunque il metaforico centro del mondo, nel quale è più facile per il mago entrare in contatto con ogni energia, aprire le porte dei mondi, convocare Divinità e Spiriti, inviarli e inviare la propria Volontà. Da quel punto, come fosse il centro di un cerchio, equidistante da tutto, e con la possibilità di osservare ogni cosa, egli può raggiungere il controllo di tutto ed estendere il proprio sguardo e azione ovunque e in ogni luogo.

  • hekate, ecate, streghe della tessaglia, necromanzia, crocicchio, Apollo, stregoneria, strophalos
    Antropologia & Storia delle religioni,  Divinità

    Hekate: un breve spaccato antropologico

    È difficile racchiudere l’intera figura di Hekate, con le sue mille sfaccettature, in un breve articolo. In Grecia fu per secoli amata e temuta. A lei ci si rivolgeva con ogni onore, venerandola in particolare alla congiunzione di tre strade.

    Il suo culto risale all’epoca pre-ellenica, venne importato dall’Anatolia, dove assumeva il ruolo di Grande Madre – e in questo è da ricercare la ragione per cui ad Hekate si attribuissero innumerevoli facoltà, nonché il dominio sul cielo, il mare, la terra e ciò che si trovava sotto di essa (come descritto negli Oracoli Caldaici, II-III sec.), che in epoca ellenica venne spartito fra tre divinità maschili, ovvero Zeus, Poseidone e Hades.

  • vodou, hodou, debunking, voodoo, hoodoo, magia, spiritualità, magia afro-caraibica, magia africana, magia voodoo, nexus arcanum
    Spiritualità

    Vodou e Hoodoo: oltre la finzione

    Per quanto l’occultismo moderno si prodighi per fare chiarezza su diversi temi, alcuni continuano ad essere legati in modo quasi indissolubile alla superstizione che, ignorante, infanga la dignità di pratiche le cui radici affondano in contesti antichi, ben diversi da come la mistificazione popolare li descrive. Due degli argomenti che subiscono di più questo atteggiamento sono il Vodou e l’Hoodoo. Non solo vengono confusi fra loro, e i termini usati come sinonimi (anche se non lo sono affatto), ma sono anche ricondotti a un immaginario orrorifico, basato su film e telefilm, e per questo creduti ragione di ogni male, tanto che molti consigliano di stare lontani da queste pratiche a priori, senza una reale comprensione o conoscenza (teorica o pratica).

  • Strega, stregoneria, inquisizione, persecuzione della donna, caccia alle streghe, lamia, Lilith, strigos, Murmur, origine della strega, antropologia, stryx, nexus arcanum, sabba
    Antropologia & Storia delle religioni,  Stregoneria

    La strega: un breve spaccato antropologico

    A partire dalla prima metà del Novecento, il nascente movimento legato alla Wicca ha lentamente riabilitato la figura della strega, perché non fosse più percepita come quello spauracchio demoniaco contro il quale la Chiesa si era scagliata per secoli, ma come una figura orientata al culto della Natura e al recupero della tradizione popolare legata alle erbe e al folklore. Da quel contesto di forte opposizione al Cristianesimo, emerge una visione positivista della strega e della stregoneria, protrattasi fino ai giorni nostri, quando la New Age addirittura la “santifica” come persona dotata di talenti straordinari e di una sensibilità superiore, volta al bene supremo.

  • Sciamanesimo, sciamano, tamburo sciamanico, come costruire il tamburo sciamanico, come attivare il tamburo sciamanico, il cavallo dello sciamano, raido, sleipnir, yggdrasill, axis mundi, nexus arcanum
    Antropologia & Storia delle religioni,  Sciamanesimo

    Il tamburo sciamanico: il battito ancestrale

    Il tamburo sciamanico è, tradizionalmente, lo strumento più importante per lo Sciamano. Oggigiorno è anche quello più incompreso, relegato a un accessorio che, più che funzionale, deve essere utile ad apparire, magari decorato con un disegno evocativo, ma privo di significato. Al posto che in legno e pelle, sulle bancarelle sempre più spesso se ne trovano in plastica, a volte prodotti industrialmente, perché più durevoli ed “etici”. Si manda in secondo piano la Tradizione, per soddisfare il desiderio di apparire, una fame che divora la società moderna e certo non risparmia l’ambiente esoterico. Pochissimi creano da sé il proprio tamburo in legno e pelle, pochissimi lo fanno a mano attraverso il proprio sacrificio, di tempo e fatica. Sembra quasi che si vorrebbe che il tamburo non fosse altro che uno strumento al servizio del proprio ego, piuttosto che un tramite per gli Spiriti.

  • nexus arcanum, teoria della vibrazione, legge d'attrazione, Masaru Emoto, Rohana Byrne, The Secret, the secret funziona, New Age, New Thught
    Spiritualità

    Legge d’Attrazione Teoria della Vibrazione: sono magia?

    Si sente spesso parlare di Legge d’Attrazione come soluzione universale a tutti i problemi: la New Age propina questa idea semplicistica, per cui basta pensare fortemente a qualcosa, sintonizzarsi sulla sua vibrazione, desiderarla con tutti se stessi, per riceverla dall’Universo senza alcuno sforzo, se non un blando esercizio di ambizione. In qualche modo, la Magia – fatta di studio, elaborazione del metodo, applicazione di tutte le corrispondenze necessarie – viene ridotta a un banale “gira e spera, spera e gira, perché poi si avvererà”, in pieno stile cartone animato.

    La Magia non è questo.

  • nexus arcanum, contro la new age, new age, opposti, dicotomia, dualismo, monismo, accettare l'oscurità, magia, esoterismo, spiritualità, nozze alchemiche
    Spiritualità

    Luce e Oscurità: la danza eterna

    Tutto è luce: è un concetto che si sente ripetere spesso nell’ambiente della spiritualità moderna. Secondo questa logica, evolvere spiritualmente vorrebbe dire andare verso questa fantomatica luce, entrare a farne parte e condividerla con il resto del mondo, perché tutti possano vedere e illuminarsi. In questa visione apparentemente positiva, si celano innumerevoli errori di concezione del percorso spirituale,della Luce in sé e del significato profondo dell’Illuminazione. Sono queste semplificazioni, rivendute a chi è ignorante, a rendono difficile a chi si approccia alla spiritualità formarsi un’idea corretta di ciò che li attende. Si generano false aspettative, che danno vita a false promesse, illusioni e delusioni, e nel momento in cui risentimento e dolore prendono il sopravvento, spesso gli obiettivi sono ormai persi di vista.

  • El-Acher, Etz Ha-Hayim, Gnosticismo, LHP, Nathan di Gaza, Qliphot, Sabbatai Zevi, Schebirath ha-Kelim, Sitra Ahra, Tikkun, Etz Ha-Mavet, Tradizione Anticosmica, Tzim-Tzum, Vie di Mano Sinistra, corrente 218, corrente 182, The Book of Sitra Achra, Temple of the Black Light
    Antropologia & Storia delle religioni,  Qliphot,  Vie di Mano Sinistra

    Qliphot: alla Sinistra di Dio

    Un’altra versione, embrionale e non aggiornata, di questo articolo, è presente nel forum “Satanisti: la Nostra Verità”.
    Tale versione non verrà più aggiornata né ampliata, mentre sarà costantemente ampliata quella presente in questo website.

    Anticosmiche, oscure, emanazioni sinistre di un Assoluto altrimenti troppo luminoso per reggersi su se stesso: venendo trattate alla stregua di un tabù dalle scuole di spiritualità ortodosse e conservatrici, di Qliphot si parla poco e niente, e spesso chi lo fa non ha le idee molto chiare riguardo a un argomento, avente tanto seguito nella letteratura esoterica moderna, quanto riferimenti classici scarsi e difficili da trovare. La Qabalah ebraica, dottrina mistica e monista per eccellenza, le cita di sfuggita, come “gusci” o “scarti della creazione” (il termine singolare qlipha deriva infatti dall’ebraico kelipah [→ kelipott] che significa appunto “guscio” o “scarto”), è dà loro poco spazio, sebbene molta rilevanza funzionale, considerandole alla stregua di un effetto collaterale che sporca una Creazione altrimenti intrinsecamente pura.

  • Nexus arcanum, antropologia, sciamanesimo, sciamano, cos'è lo sciamanesimo, chi è lo sciamano, anargirismo
    Antropologia & Storia delle religioni,  Sciamanesimo

    Lo sciamanesimo e lo sciamano: un’analisi antropologica

    Come abbiamo detto nell’articolo riguardante lo shapeshifting, negli ultimi anni lo sciamanesimo è stato portato sotto ai riflettori sia da vari prodotti di intrattenimento, che spesso lo hanno citato, anche di sfuggita, fuori contesto, sia dalla New Age che ha sfruttato le semplificazioni proposte dall’antropologo Michael Harner, e i suoi studi etnografici su questa disciplina, per propinare alla massa qualcosa di edulcorato e distante da qualsiasi tradizionalità.

    Tutto questo ha come radice la necessità, sempre più impellente per l’uomo moderno, proteso verso il futuro e un mondo ipertecnologico, di riscoprire se stesso e la sua Terra, sua vera Madre, per comprendere come integrarsi nella Natura, e capire se questa integrazione sia possibile o utopica. Proprio nello sciamanesimo, la più antica forma di religiosità, l’uomo dei nostri tempi cerca le risposte ai grandi dilemmi esistenziali, in un parossistico tentativo di riallacciare lo strappo fra un passato i cui insegnamenti sono difficili da collocare nella modernità, e un futuro sempre più vicino, incombente e incerto. Che lo sciamanesimo abbia o meno le risposte che l’umanità cerca, è comunque di vitale importanza definire in maniera più chiara, spogliata da ogni fuorviante mistificazione, la figura dello sciamano e i fondamenti di questa disciplina. Fosse anche solo per amore di divulgazione e il disperato tentativo di impedire che un numero sempre maggiore di persone cada nella rete dei truffatori, profondamente dannosi, che spesso al posto che aiutare chi si rivolge a loro per “guarire”, provocano nell’animo ferite più profonde e fratture sempre più difficili da sanare.