• Spiritualità

    Il potere parte dall’introspezione

    Di quanto l’introspezione sia fondamentale per la pratica magica si parla tanto, ma ci si sofferma poco ad analizzare cosa voglia dire, cosa comporti e, in ogni caso, quanto sia importante nella vita di tutti i giorni, sia che si pratichi magia, che non lo si faccia. Certo, per chi si dedica alla pratica dell’Arte, è una necessità ancora più impellente che per il profano, perché la Magia è un linguaggio e la Volontà può esprimersi chiaramente solo a fronte di un lavoro pregresso che stabilisca un buon grado di chiarezza e coesione interiore.

  • Antropologia & Storia delle religioni,  Spiritualità

    Kundalini Yoga: forse non è come pensi

    di Emeth

    È qualche mese che valuto di scrivere un articolo sul Kundalini Yoga, impegno che ho rimandato fino a questo momento perché ho voluto pensare bene al taglio da dare allo scritto. Da un lato ci sarebbe il desiderio (e la volontà) di esprimersi in modo duro, contro tutte quelle scuole, falsi guru, praticanti che si spacciano per yogi; dall’altra tutto si compensa con la consapevolezza che, nel mondo occidentale, non solo è difficile reperire informazioni di prima mano o con una certa autorevolezza (e fondate su una reale comprensione della materia), ma vi è inoltre un’intera struttura di pensiero che ostacola la cognizione di temi molto distanti, per cultura di nascita e filosofia che veicolano.

  • nexus arcanum, esoteric shop, shop esoterico, esoterismo, occultismo, hoodoo, voodoo, magia, occult products, prodotti esoterici, polveri hoodoo, prodotti su misura, prodotti esoterici su misura, incensi planetari, agrippa, de occulta philosophia, bagni rituali, sali da bagno, mistery box, witchy casket, candele vestite, candele in cera, candelotti in cera naturale, erbe, erboristeria magica, resine, incenso, incenso magico, reiki, spiritualità
    Spiritualità

    Reiki: una riflessione critica

    È capitato diverse volte che, nel gruppo di Nexus Arcanum, emergessero discussioni sul Reiki, con confronti spesso aspri sulla sua validità, non solo medica, ma prima di tutto tradizionale di una disciplina oggigiorno cavallo di battaglia di molti operatori olistici. Poiché questa volta il gruppo si è mosso nel senso di una discussione più ampia del mero si/no, incentrando il confronto e lo “scontro” su dubbi direttamente legati a quei criteri di tradizionalità necessari a validare una disciplina dal punto di vista esoterico, abbiamo deciso di raccogliere il tutto in un unico articolo organico, summa dei diversi interventi e considerazioni emerse, in modo da poter condividere anche con esterni le riflessioni condotte in quello spazio privato. Perciò ringraziamo tutti gli utenti intervenuti, qualsiasi parere abbiano espresso: non vi menzioneremo direttamente per ragioni di privacy, ma a voi va la nostra gratitudine per averci dato spunti su cui riflettere e la spinta a scrivere un articolo rimandato per molto tempo.

  • Santisima muerte, santa muerte, nina bianca, magia, spiritualità, folk saints, messico, nexus arcanum
    Antropologia & Storia delle religioni,  Spiritualità

    Introduzione alla figura della Santa Muerte

    La Santa Muerte, nominata in molti film e telefilm come “la santa dei narcotrafficanti”, “la signora dei killer”, dipinta come la più malvagia delle divinità, a cui si rivolgono soltanto i criminali per ottenere favori e poter compiere impuniti i propri delitti, è in realtà una figura molto distante e diversa da questi luoghi comuni.

    In Messico viene invocata per vegliare su qualunque aspetto della vita: punire le ingiustizie, vendicare i torti, proteggere i malati, gli infanti e i deboli, suscitare l’amore, dare dignità a chi ha un orientamento religioso, sessuale o politico differente da quello della massa. Viene pregata anche dai criminali, ovviamente, perché possa proteggerli dalla morte o rendere la lama della loro “falce” più affilata e favorirli nel compimento di omicidi.

EnglishItalian