• Nexus arcanum, antropologia, sciamanesimo, sciamano, cos'è lo sciamanesimo, chi è lo sciamano, anargirismo
    Antropologia & Storia delle religioni,  Sciamanesimo

    Lo sciamanesimo e lo sciamano: un’analisi antropologica

    Come abbiamo detto nell’articolo riguardante lo shapeshifting, negli ultimi anni lo sciamanesimo è stato portato sotto ai riflettori sia da vari prodotti di intrattenimento, che spesso lo hanno citato, anche di sfuggita, fuori contesto, sia dalla New Age che ha sfruttato le semplificazioni proposte dall’antropologo Michael Harner, e i suoi studi etnografici su questa disciplina, per propinare alla massa qualcosa di edulcorato e distante da qualsiasi tradizionalità.

    Tutto questo ha come radice la necessità, sempre più impellente per l’uomo moderno, proteso verso il futuro e un mondo ipertecnologico, di riscoprire se stesso e la sua Terra, sua vera Madre, per comprendere come integrarsi nella Natura, e capire se questa integrazione sia possibile o utopica. Proprio nello sciamanesimo, la più antica forma di religiosità, l’uomo dei nostri tempi cerca le risposte ai grandi dilemmi esistenziali, in un parossistico tentativo di riallacciare lo strappo fra un passato i cui insegnamenti sono difficili da collocare nella modernità, e un futuro sempre più vicino, incombente e incerto. Che lo sciamanesimo abbia o meno le risposte che l’umanità cerca, è comunque di vitale importanza definire in maniera più chiara, spogliata da ogni fuorviante mistificazione, la figura dello sciamano e i fondamenti di questa disciplina. Fosse anche solo per amore di divulgazione e il disperato tentativo di impedire che un numero sempre maggiore di persone cada nella rete dei truffatori, profondamente dannosi, che spesso al posto che aiutare chi si rivolge a loro per “guarire”, provocano nell’animo ferite più profonde e fratture sempre più difficili da sanare.

  • Shapeshifting, mutafrma, eigi einhamir, berserkr,berserker, ulfhednar, nagual, nagualismo, sciamanesimo, tecniche sciamaniche, nexus arcanum
    Antropologia & Storia delle religioni,  Sciamanesimo

    Shapeshifting: le forme dell’anima

    Grazie a Vikings e ai film Marvel, negli ultimi anni la mitologia norrena ha avuto una risonanza sempre maggiore, entrando nell’immaginario del grande pubblico fino a diventare una moda. Un numero sempre maggiore di persone si è interessato alla tradizione germanica, scandinava, islandese, spesso senza fare distinzioni fra una e l’altra, e senza la reale capacità di raccogliere informazioni su fonti storicamente accertate, che non avvallino dicerie folkloristiche diventate preminenti a sfavore di una più concreta, spesso meno scenica, tradizionalità. Per fare un esempio, è ormai data per scontata dagli appassionati di Vikings l’esistenza di un metodo di tortura chiamato “aquila di sangue”, la quale, nonostante la citazione in alcune saghe, non è attestata da fonti certe né da ritrovamenti di corpi sui quali sia stata applicata. Certo, più la sceneggiatura dei prodotti di intrattenimento è d’impatto e più ha successo, ma il merito di un bravo studioso è andare oltre la fiction per cercare la Verità.

EnglishItalian